Psicoterapia

Home » Fascicolo 1 2012

Category Archives: Fascicolo 1 2012

Co-narcisismo: come ci si adatta a genitori narcisisti – Alan Rappoport

Questo articolo introduce il termine “co-narcisismo” in riferimento al modo in cui le persone si adattano a genitori narcisistici. Uso qui il termine narcisismo per descrivere persone con un’autostima molto bassa che tentano di controllare il modo in cui gli altri li vedono a scopi difensivi. Queste persone sono rigide sul piano dei rapporti interpersonali, si offendono facilmente, sono concentrate su se stesse, ipercritiche, e trovano difficile empatizzare con gli altri.

(altro…)

Annunci

La supervisione dell’autoanalisi: imparare dalla resistenza al cambiamento – Maria Clotilde Gislon

Nel campo della psicoterapia è comunemente accettato che tra gli elementi che producono un cambiamento ci sono da una parte la possibilità che il cliente sviluppi nuove prospettive, nuovi assunti, modalità alternative di ottenere informazioni e dati, dall’altra la capacità di usare queste informazioni e la motivazione a farlo. La motivazione e la capacità possono essere presenti in vari gradi o assenti e questi ultimi sono i casi nei quali noi, come terapeuti, dobbiamo confrontarci con una resistenza e considerare il fatto che centrali nel lavoro terapeutico diventino i fattori che impediscono il progresso e il cambiamento.
(altro…)

Hazing: i riti di iniziazione nelle confraternite universitarie – Di Fiorino Mario, Del Debbio Alessandro, Fontana Maria

L’hazing rappresenta una degenerazione dei riti di iniziazione. Nel tempo è diventato una pratica spesso violenta e pericolosa per la vita stessa delle persone coinvolte. La non osservanza dei regolamenti vigenti all’interno delle università, associata ad una pressoché totale assenza del senso di vulnerabilità, ha fatto sì che i riti avessero conseguenze talvolta molto gravi, sia su un piano fisico che psico-sociale. Risulta evidente, da parte di chi commette abuso, la messa in atto di meccanismi di difesa (per esempio, la razionalizzazione e la colpevolizzazione delle vittime).
(altro…)